guida, santiago road, compostela, pellegrino, francese, portoghese, pista, informazioni

Alla francese

El Camino per eccellenza

El Camino Il francese può essere avviato ovunque in Europa. Le sue ramificazioni sono molto ampie. Ma i due punti più comuni per iniziare sono:

Saint Jean de Pied de Port (Francia)

Roncisvalle

Passi

Per cominciare, avremo una fase difficile ma molto gratificante. Ricorda che in inverno la strada principale è tagliata e dobbiamo prendere la Camino parallelo di Valcarlos. Oggi andremo dalla Francia alla Spagna salendo per circa 1250 metri e poi scendendo per circa 500 metri e arrivando a Roncesvalles, porta del Camino Francese in Spagna.

Oggi sulla nostra uscita troveremo il famoso cartello "SANTIAGO 790" che ci dice la distanza da Santiago. Ricorda che questo cartello indica la distanza su strada :). Percorreremo un bellissimo sentiero che ci porterà attraverso paesi ricchi di storie e leggende locali. Ci godremo tutto il tempo una strada prevalentemente sterrata che a volte si trasformerà in lastre di pietra. Giunti a Zubiri potremo riposare i piedi nel fiume Arga, che domani ci porterà a Pamplona.

Oggi arriveremo a Pamplona e abbiamo diverse opzioni. Possiamo riposare prima di arrivare a Pamplona in Zabaldika e vivere così con le suore che gestiscono il rifugio, oppure possiamo riposare prima di entrare a Pamplona al rifugio Trinidad de Arre. Possiamo anche fermarci oltre Pamplona a Zizur Menor. Ti consigliamo di fermarti a Pamplona e cogliere così l'occasione per visitare tutto ciò che questa città ha da offrire al pellegrino. Dalla cultura del famoso San Fermín, la sua gastronomia e come non passeggiare per il suo centro storico.

Oggi ci attende una tranquilla ma lunga salita all'Alto del Perdón. Luogo famoso per la scultura dei pellegrini a piedi ea cavallo che si trova alla sua sommità. E la famosa frase che dice: ¨ Dove incontra il Camino del vento con quello delle stelle¨. Ricordiamo che se la salita ci è sembrata dura, la discesa è una crosta di pietra in cui ce ne sono due caminoS. Uno per i ciclisti e uno per i pellegrini a piedi. Facciamo la discesa con calma, da allora abbiamo solo una tranquilla passeggiata tra i campi e caminos terra che ci porterà alla nostra destinazione Puente la Reina.

Oggi noteremo che stiamo lasciando i Pirenei per avvicinarci alle terre della Rioja. Dove vedremo più paesaggi pieni di vigneti e ulivi. Per coloro che oggi vogliono camminare un po 'di più, hanno la possibilità di continuare a Villamayor de Monjardín o Luquin. Entrambe le città ci offriranno più tranquillità di Estella.

Nella tappa odierna arriveremo alla vecchia capitale del Regno di Navarra. È una tappa che si svolge completamente priva di qualsiasi tipo di ombra o copertura per il pellegrino, quindi se è una giornata piovosa o soleggiata bisogna stare attenti. Coloro che lo desiderano possono continuare a Torres del Rio per avere Logroño più vicino.

Oggi lasciamo la Comunità Foral di Navarra per entrare a La Rioja, famosa per la denominazione di origine dei suoi vini rossi. Ci riposeremo nella sua capitale e potremo visitare la città e godere  della sua gastronomia visitando la sua famosa via Laurel.

Oggi avremo la prima tappa in cui dovremo fare ancora qualche chilometro. Nonostante ciò, sarà una tappa tranquilla che in alcuni tratti passerà nei pressi dell'autostrada. In estate bisogna stare attenti all'idratazione.

Nella fase odierna ci avvicineremo a una di quelle città magiche del Camino. Cammineremo tra campi di cereali che cambiano il paesaggio a cui i vigneti ci hanno abituato. La giornata ne varrà la pena poiché a Santo Domingo de la Calzada possiamo goderci la sua cattedrale, il suo parador e passeggiare per le strade di questa città vecchia. Se ci vediamo con forza, possiamo prolungare la giornata di riposo nel meraviglioso rifugio per le donazioni a Grañón.

Oggi lasceremo La Rioja ed entreremo nelle terre castigliane e leonesi. È una tappa tranquilla con poche pendenze. Visiteremo diverse cittadine che ci porteranno in quello che un tempo era uno dei castelli del famoso Cid Campeador.

Oggi avremo una tappa che possiamo dividere in due parti o due giorni se vogliamo. La prima parte a Villafranca de Montes de Oca ci porterà attraverso caminos terra mano nella mano con l'autostrada nazionale. Da lì in poi ci addentreremo nei boschi dove potremo godere della tranquillità e della serenità che di volta in volta tornano utili per staccare dalla folla che a volte troviamo nel Camino.

Oggi passeremo attraverso il famoso sito di Atapuerca. Per i pellegrini che preferiscono camminare lungo il sentiero e dimenticare i percorsi attraverso la città, prima di arrivare a Burgos possiamo fare una deviazione lungo un sentiero leggermente più lungo che ci porterà lungo il fiume alla famosa Cattedrale di Burgos, una tappa obbligata.

Lasceremo Burgos rapidamente per lasciare la grande città ed entrare nei paesaggi terrestri della Castiglia. Benvenuti nel famoso Altopiano ... Ricordiamoci d'estate di essere ben coperti e con acqua a sufficienza per evitare il colpo di calore.

Oggi cammineremo attraverso l'altopiano che ci offrirà paesaggi degni di carta da parati. È comodo per i pellegrini che decidono di fare queste tappe in estate alzarsi all'alba per raggiungere la nostra meta evitando le ore in cui il sole può colpire di più.

Oggi proseguiremo sull'altopiano, quindi lungo caminodi terreno, solitario e con elevata esposizione al sole. Oggi avremo una "piccola" salita all'Alto de Mostelares, famoso per tante foto che ce ne sono nel Camino e dal monumento che c'è quando si arriva sopra. Da lì possiamo goderci l'altopiano che ci siamo lasciati alle spalle.

Oggi avremo il nostro meritato riposo. Ci sono già molti giorni di cammino e una breve tappa è apprezzata. Seguiremo la tipica tappa dell'altopiano, potendo deviare a Poblacion de Campos per una variante che ci porterà a Villovieco per seguire il fiume per avvicinarci a Villalcázar de Sirga, dove troveremo il percorso principale.

Va notato che nella tappa odierna non avremo servizi durante i primi 10 km. Oltre a ciò cammineremo attraverso un immenso rettilineo, che ci porterà a Terradillo de los Templarios.

Nella fase odierna incontreremo i pellegrini che vengono dal Camino da Madrid. Dopo Sahagun avremo due opzioni che ci porteranno a Mansilla de las mules.
Possiamo camminare mano nella mano con la strada locale o svoltare a Calzadilla de los Hermanillos. A Mansilla de las Mulas avremo tutto il necessario per riposare sulle rive del fiume Esla.

Oggi arriveremo nella città di León, il momento clou dell'intera tappa. In esso possiamo ammirare la sua magnifica cattedrale e le sue vetrate colorate. La tua visita è altamente raccomandata.

Oggi dovremo decidere tra le due varianti che si presentano: The Camino la storia che attraversa Villadangos del Páramo o la variante che ci porta attraverso Villar de Mazarife. Quest'ultimo allungherà il nostro camino in circa 4 km.

Oggi recupereremo l'essenza di Camino e ci lasceremo alle spalle le lunghe ore sulla strada. Passeremo in un paesaggio più montuoso di quello a cui siamo abituati sull'altopiano. Anche quando arriveremo ad Astorga scopriremo la famosa opera architettonica di Antonio Gaudí. Il Palazzo Vescovile, mai utilizzato a questo scopo, sorprenderà per le sue forme molto diverse. Altamente raccomandato sia la tua visita che la Cattedrale.

Finalmente lasceremo l'altopiano castigliano per entrare nelle montagne di León. Faremo una piccola salita da El Ganso a Rabanal del Camino. Normalmente questo giorno di solito finisce qui, ma riteniamo che sia meglio continuare a Foncebadón in modo che il giorno successivo possiamo raggiungere Ponferrada.

Oggi arriveremo alla famosa Cruz de Ferro. Dove la tradizione vuole che dobbiamo lasciare la pietra che portiamo da casa nostra per lasciare lì tutte le nostre preoccupazioni, i nostri dolori e d'ora in poi camminare liberi per Santiago. Dobbiamo stare attenti sia a scendere che a salire poiché entrambi possono essere un vero pericolo per le nostre caviglie.

Oggi cammineremo nella regione del Bierzo, culla del Botillo e con una lunga storia di insediamenti romani. La tappa si svolgerà su asfalto e sterrato, d'estate conviene andare preparati al caldo.

Una delle tappe classiche di Camino de Santiago Francese. Oggi termineremo con la famosa salita a O Cebreiro, la salita più alta del Camino Francese sulla penisola. Nel villaggio di O Cebreiro possiamo conoscere la storia del parroco Elias Valiña, promotore di questo modo di segnalare la Camino ed è sepolto a O Cebreiro.

Oggi cammineremo attraverso le montagne di questa terra galiziana che ci accoglie. Proseguiremo lungo strade sterrate, avanzando e salendo fino a raggiungere l'Alto do Poio, che ci offre una buona pendenza ripida per raggiungere la sua cima dove possiamo riposarci se vogliamo e passare la notte nei rifugi che ci sono. 

Nella fase odierna cammineremo finalmente interamente attraverso le terre galiziane. Abbiamo due modi per arrivare a Sarria. Uno attraverso il Monastero di Samos, un po 'più lungo (circa 7 km) e altrimenti possiamo attraversare i paesi di A Balsa, San Xil, Montan ... fino a raggiungere anche Sarria, dove inizia i famosi 100 km obbligatori per arrivare alla Compostela. .

Oggi cammineremo attraverso la tipica Galizia rurale, circondata da piccoli villaggi, boschi e da quella magia celtica che questa terra ci offre. Arriveremo alla moderna città di Portomarín, poiché la vecchia giace sepolta sotto le acque del bacino di Belesar.

Oggi seguiremo una tappa molto simile a ieri. Prevediamo lunghi tratti di asfalto che vanno di pari passo con la strada.

Oggi avremo un forte chilometraggio che ci porterà seguendo la statale fino alla città di Melide, dove potremo gustare il famoso polpo locale in una delle due pulperie tra le più famose del paese. A Melide saremo raggiunti dai nostri colleghi di Camino Primitivo e ad Arzua ci incontreremo a turno con i pellegrini del Camino dal nord.

Mancano solo 40 km alla nostra tanto attesa meta. Oggi seguiremo la strada nazionale per passare la notte a O Pedrouzo. Questo ci permetterà di arrivare il giorno successivo a Santiago per la Messa del Pellegrino.

Oggi non ci resta che goderci la salita al Monte do Gozo. Se vogliamo possiamo allontanarci dal Camino per godersi la scultura del pellegrino. E scendere da lì fino alla piazza Obradoiro dove troveremo un milione di emozioni dopo così tanto tempo Camino.

Punti di interesse

guida, santiago road, compostela, pellegrino, strada francese, strada portoghese, santiago road track, santiago road info

Collegiate di Roncesvalles

La collegiata di Santa María è la cattedrale più lussuosa di Roncisvalle e il miglior esempio di gotico navarrese, non solo francese, ma del più puro dell'Île de France. Ospita una bellissima immagine della Vergine del XIV secolo.

Cattedrale di Pamplona

La Cattedrale Metropolitana di Santa María la Real, situata nella città di Pamplona, ​​sede dell'arcidiocesi di Pamplona e Tudela, è un complesso architettonico ecclesiastico unico, in quanto è il complesso della cattedrale più completo conservato in Spagna. Presenta i consueti edifici in altre cattedrali come la chiesa, il chiostro e le sacrestie, ma conserva anche l'atrio, il refettorio, la sala capitolare e la camera da letto, più tipici della vita comune a cui è stato soggetto il suo capitolo e che nel corso dei secoli sono state demolite in altre cattedrali spagnole. Gli ambienti che lo compongono sono stati costruiti in epoche e stili differenti, oggi si conservano alcuni ambienti romanici, ma prevalentemente quelli costruiti in stile gotico (tra cui chiesa e chiostro) dal XIV al XVI secolo. La facciata ovest, in stile neoclassico, fu realizzata alla fine del XVIII secolo

guida, santiago road, compostela, pellegrino, strada francese, strada portoghese, santiago road track, santiago road info
guida, santiago road, compostela, pellegrino, strada francese, strada portoghese, santiago road track, santiago road info

Ponte romanico di Puente de la Reina

Il ponte romanico di Puente la Reina è uno degli esempi più interessanti di architettura civile del Camino de Santiago in Navarra. Qui convergono la rotta giacobina che entra da Orreaga / Roncesvalles e la rotta Tolosa da Somport.

È un punto d'incontro per i pellegrini che hanno intessuto migliaia di storie e leggende nel corso dei secoli. Le acque del fiume Arga, che scorre sotto l'imponente arco del ponte centenario, sussurrano le storie più sorprendenti ai viaggiatori che rimangono rapiti dal suo mormorio. 

Cattedrale di Burgos

La chiesa della Santa Cattedrale Basilica Metropolitana de Santa María è un tempio della cattedrale di culto cattolico dedicato alla Vergine Maria, nella città spagnola di Burgos.

La sua costruzione iniziò nell'anno 1221, seguendo i modelli gotici francesi. Ha avuto modifiche molto importanti nel XV e XVI secolo: gli aghi della facciata principale, la cappella Condestable e la cupola della crociera, elementi del gotico fiammeggiante che conferiscono al tempio il suo profilo inconfondibile. Le ultime importanti opere (la sagrestia o la cappella di Santa Tecla) appartengono al XVIII secolo, un secolo in cui furono modificate anche le coperture gotiche della facciata principale. La costruzione e la successiva ristrutturazione furono eseguite con calcare estratto dalle cave delle città di Hontoria de la Cantera e Cubillo del Campo.

guida, santiago road, compostela, pellegrino, strada francese, strada portoghese, santiago road track, santiago road info
guida, santiago road, compostela, pellegrino, strada francese, strada portoghese, santiago road track, santiago road info

Cattedrale di León

La Cattedrale di Santa María de Regla de León è un tempio di culto cattolico, sede episcopale della diocesi di León, in Spagna, consacrata sotto l'invocazione della Vergine Maria. Fu il primo monumento dichiarato in Spagna dall'Ordine Reale del 28 agosto 1844 (confermato dall'Ordine Reale il 24 settembre 1845).

Iniziata nel XIII secolo, è una delle grandi opere dello stile gotico, con influenza francese. Conosciuto con il soprannome di Pulchra leonina, che significa "Bella Leon", è in Camino de Santiago.

O Cebreiro Pallozas

Palloza (noto anche come pallouza e pallaza) è una costruzione tradizionale del nord-ovest della penisola spagnola, principalmente delle leoneses Ancares e La Cabrera, e altri punti di El Bierzo (León), alcune zone di Lugo e le valli di Furniella e di Ibias nelle Asturie.

La sua origine è pre-romana, presumibilmente celtica. Le pallozas hanno somiglianze con le case rotonde dell'età del ferro della Gran Bretagna o con gli edifici della cultura militare.

guida, santiago road, compostela, pellegrino, strada francese, strada portoghese, santiago road track, santiago road info

La nostra app

Vai su